FOTO blog.jpg

L’INVENTORE DI STORIE DI LEWINSKY CHARLES, SEM ( SOCIETÀ EDITRICE MILANESE) 2021

Vi presentiamo il bel libro di Lewinsky, da domani disponibile in tutte le librerie, ringraziando la Società Editrice Milanese che ci ha inviato una copia stampa.
Narrato attraverso gli occhi di Sebi, il protagonista, il romanzo racconta la storia,  forse meglio dire l’epopea, di un villaggio svizzero della fine del XIV secolo che diventa paradigma e simbolo di tutti i villaggi asserviti e sottoposti a usi e consuetudini tardo feudali.
Attorno a lui una miriade di personaggi indimenticabili: Mezzabarba, un uomo misterioso comparso dal nullo, esperto di arti mediche, il fratello Geni, dotato di fine intelligenza, Poli, il fratello impetuoso, Alisi, lo zio soldato fanfarone, Stoffel il fabbro, Kӓtterli, sua figlia amica di Sebi, gli Eichenberger, padre e figlio, i più ricchi del villaggio, Werni il citrullo, i monaci dell’Abbazia di Einsiedeln da sempre in lotta con i villani,  il Landamano, il nobile Stauffacher, che cerca impossibili mediazioni,  l’Anneli, la narratrice di storie che passa l’estate di paese in paese, chiedendo cibo in cambio  dei suoi racconti … che diventerà centrale nella formazione di Sebi.
Il romanzo, infatti, può essere definito “romanzo di formazione”: Sebi, ritenuto da tutti una “mammoletta”, dotato solo di un’incredibile memoria ma privo di qualità fisiche adeguate a quell’epoca violenta,  solo dopo molti errori e tentativi riuscirà a “scoprire il suo lago e a guardarci dentro capendo che tipo di creatura è e cosa vuole diventare”.
Il sapore che rimane? Sicuramente quello di una zuppa di verdura, il  cibo quotidiano più diffuso sulle tavole dei villani dell’epoca,