FRESCO DI STAMPA

CENA DI CLASSE di Perissinotto & d’Ettorre, 2022 Mondadori

Scritto a due mani da Perissinotto, professore di Storytelling all’Università di Torino, e da d’Ettorre, avvocato penalista patrocinante in Cassazione, la vicenda ruota attorno alla risoluzione di un cosiddetto cold case.

Ad oltre venti anni di distanza, viene riaperto il caso di una ragazza trovata stuprata e uccisa in un cascinale di pertinenza di una villa, dove si era svolta un’ultima cena di classe, prima della Maturità.

L’avvocato Meroni, ex carabiniere associato allo studio Actis Meroni, viene incaricato di difendere l’ingegner Corbini, indicato come presunto assassino alla luce dei nuovi test genetici che, a distanza di anni, rischiano di incastrarlo.

La riapertura del processo offrirà un’occasione per alzare il velo su molti vizi privati, segreti inconfessabili, vicende rimosse che in molti vorrebbero poter dimenticare.

Accanto alle indagini istituzionali, l’avvocato segue una pista personale per risolvere il cold case familiare: ritrovare la persona – da lui chiamata Bin Laden- che l’11 settembre del 2001 ha investito la moglie Rossana, condannandola alla sedia a rotelle.

Se il responsabile della morte della ragazza viene definitivamente individuato, lo stesso non avviene per il responsabile che ha investito la moglie di Meroni: la soluzione sarà forse alla prossima puntata?

Ce lo auguriamo vivamente.

Per ora consoliamoci con la schiuma del cappuccino che ha un ruolo importante nella risoluzione di questo giallo.


Un ringraziamento alla Casa Editrice che ci ha fatto omaggio di copia stampa.


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti