L'ANGOLO GIALLO DEL VENERDI'

LA CASA SUL PROMONTORIO di Romano De Marco, 2022 Salani Editore

Coinvolgente e dal ritmo serrato, l’ultimo thriller di Romano De Marco lascia il lettore letteralmente senza fiato, dalla prima all’ultima pagina.

La vicenda umana e professionale di Mattia Lanza, segnata dall’oscura morte della moglie e dei figli, procede attraverso momenti di smarrimento e altri in cui il protagonista ricerca equilibrio e stabilità.

Una vacanza a Ortona, in una casa presa in affitto da Giulia, sua agente nonché ex amante, dovrebbe rappresentare per lui l’occasione per ricominciare a scrivere.

Situazioni ed eventi imprevisti renderanno il soggiorno, per certi aspetti, indimenticabile: l’incontro con Eva, la bella e affascinante vicina di casa, la sensazione di essere spiato, l’apparire e scomparire di ombre che provengono dal passato, il riemergere prepotente di una nuova ispirazione…fino ad arrivare al colpo di scena finale. O forse, meglio sarebbe dire, ai colpi di scena finali.

La chiave di lettura è abilmente anticipata da un’intuizione che folgora, non solo metaforicamente, Marco Gatti, l’implacabile procuratore che aveva, inutilmente, cercato di far condannare Mattia.

A partire da lì, si procede alla volta di conclusioni, per molti aspetti, “stranianti”.

La sensazione di smarrimento prodotta dalla penna di De Marco è simile a quella che si prova a transitare attraverso un labirinto di specchi.

La finzione metaletteraria finale gli permette di strizzare l’occhio ai suoi lettori, colpiti da questo colpo di scena, imprevisto e folgorante.

Che sapore rimane? Sicuramente quello degli spaghetti al tonno, “cavallo di battaglia” che Mattia usa in diverse occasioni…per non eccedere con il “cibo spazzatura” di cui il suo frigorifero è, troppo spesso, pieno.



6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti