L'ANGOLO GIALLO DEL VENERDI'

CASINO TOTALE di Jean-Claude Izzo, 2011Edizioni Noir e/o

Fabio Montale, detective disilluso dalla vita, più educatore di strada che poliziotto, si muove in una Marsiglia labirintica e magica, che ci affascina e seduce con i suoi vicoli, negozi e odori prepotenti.

Dopo una giovinezza condotta ai limiti della legalità, insieme a Manu e Ugo, innamorati come lui della bella Lole, Fabio dà una svolta alla vita, saltando dall’altra parte della barricata.

Mentre conduce stancamente la sua esistenza di guardiano dell’ordine amaramente disilluso da sé stesso e dalla vita, gli amici continuano le loro esistenze nel “milieu”, finché la morte di Manu e di Ugo non lo spingerà a ripercorrere a ritroso i passi da loro compiuti.

In una rocambolesca ricerca di verità, tra amori consumati con voracità o lasciati come frutti non ancora maturi, tra immigrati di vecchia e nuova generazione, mafiosi da sempre conosciuti o new entry, Montale ripercorrerà la sua vita, individuando colpevoli e innocenti.

Nuove o vecchie donne cercheranno di lenire i suoi dolori: Honorine, mamma per vocazione, Babette, l’amica di sempre, Anne Lou, la passione della carne, Leila, l’amore impossibile … fino ad arrivare a Lole, da cui la storia sembra partire e, infine, ritornare.

Il romanzo di Izzo supera gli schemi e i cliché di genere, facendo del noir un’occasione di riflessione sociale ed esistenziale.

I sapori che restano? Sicuramente quelli legati al muschio, al pepe, alla cannella oppure … al basilico che i corpi delle donne possedute da Montale sembrano sprigionare durante l’amore.



2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti