LA RECENSIONE DEL MERCOLEDI': SONO FAME di Natalia Guerrieri, Pidgin edizioni 2022

Per fuggire dalla famiglia e dal dolore che vi si è coagulato, Chiara decide di trasferirsi nella capitale. Accetta di vivere in u

no sgabuzzino e di lavorare come “rondine” (leggi rider) sperando di riuscire a trovare qualcosa di più adatto alla sua laurea in filosofia.


Inizia così una vera e propria Odissea, pedalando come un’ossessa in un panorama urbano desolato ed approdando con il suo zaino pieno di junk foodj in pianeti sempre più surreali. La guida la app che le indica le consegne da fare ma che diventa man mano una specie di presenza dotata dii omniscenza, per di più sarcastica.


Nel suo girovagare Incontra personaggi mostruosi, alcuni richiamano le favole, per esempio la strega di Hansel e Gretel; altri ricordano gli incontri di Ulisse, altri sono orchi moderni, come Ovoman che spopola sui social riprendendosi mentre mangia mangia mangia.


E come Ulisse, Chiara cerca un approdo sicuro, ma intanto combatte con se stessa e con i fantasmi divoratori che forse evoca lei, nella sua fame di raggiungere obiettivi che implicano buttarsi in pasto ai mostri e lasciarsi stritolare.


Verrebbe da metterle una mano sulla testa e, prima che si faccia troppo male, riaccompagnarla a casa dove il pane messo a lievitare profuma di sé la cucina.




5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti